contatore visite free Commapartners CONCORSO - GUGGENHEIM DESIGN - HELSINKI - FINLANDIA - Commapartners

CONCORSO – GUGGENHEIM DESIGN – HELSINKI – FINLANDIA

dettagli del progetto


Luogo: Helsinki, Finland
Progettista: COMMAPARTNERS, ing. Dorotea Cancelliere, ing. Carlo Parisi, ing. Antonio Pedroli, ing. Giuseppe Pelleriti, ing. Erika Ruiz, arch. Sergio Sanfilippo, ing. Rozalia Spina, arch. Maurizio Zappalà
Link: design guggenheim helsinki
facebook album
Note:

CONCEPT DESCRIPTION

Come una grande ispirazione, la natura ha caratterizzato il nostro progetto, perché, dopo un'analisi approfondita sul rapporto tra l'acqua e il legno, si capisce che un edificio è come una struttura vivente.

Secondo il biologo J. Monod "... La struttura di un essere vivente è il risultato di un processo del tutto diverso (rispetto a quello di un artefatto), nella misura in cui non deve praticamente nulla all'azione delle forze esterne, mentre deve tutto, dalla forma generale fino al minimo particolare, a interazioni morfogenetiche interne all'oggetto medesimo" (Il caso e la necessità, 1970).

Il legame che unisce il popolo finlandese alla loro terra è intenso ed è realizzato da una stretta interazione tra il legno, l'acqua e le foreste. “... Dal mare alla città e viceversa, con strategie di pianificazione urbana che mirano a togliere il mare per creare terra e allagare terra con il mare " (C. Schmitt, terra e mare, 1942), questo progetto si propone d’evidenziare l'apertura del Guggenheim verso il mare, come uno scambio reciproco.

Partendo dall'idea di una “fetta” (sezione) di una tavola di legno, l'area di progetto è stata impressa da una forma frammentata: teoricamente generata dal legno, ma in realtà riempita da acqua, questa zona crea un forte legame con la tradizione finlandese. La palafitta sul molo la si considera come simbolo che ricorda l'antico collegamento con il mare: il progetto si solleva per permettere al mare di essere un forte elemento in fase di progettazione.

La forma frammentata interna diventa connessione tra l'esposizione e l'area dei servizi: ricoperto con il legno di betulla, per il settore dei servizi,  penetra all'interno della superficie totale espositiva trasparente, dove i due piani per esposizioni museali sono separati da uno spazio a doppia altezza aperta, assegnato a negozi e altri servizi connessi con esposizioni.

La facciata del blocco dell'esposizione è costituito da strati a doppia pelle: pannelli di un vetro solare trasparente per l'esterno e un pannello d'acciaio perforato, che segue i requisiti funzionali interni, per l'interno.

Al secondo piano a doppia altezza, c’è un triplo vetro con gas argon  a bassa emissione.

L'ingresso principale si trova all'incrocio tra esposizione e dei servizi aree: uno spazio a doppia altezza ricoperto esternamente dal legno che permette l'accesso ai piani superiori. Due volumi, utilizzati per uffici e impianti di gestione, sporgono dal volume dei servizi all'altezza differenza.

Il piano interrato del museo è dedicato al parcheggio (disabili, lavoratori e VIP) e strutture di servizio (sistema accumulatore di energia, riscaldamento, ecc).

Non esistono barriere tra i visitatori e le opere d'arte: una sequenza di percorsi che permettono l'integrazione del museo con la città e con l'identità culturale dei suoi abitanti.

I visitatori potranno godere di una visione diversa della mostra attraverso un 'ciclo' percorso sospeso unico, utilizzando una capsula aerodinamica dalla pedalata assistita, completo di audio guida, sedili e pedali confortevoli che possono alternare dall'uso piede a portata di mano per l'uso fisicamente compromessa visitatori. Questo sistema cabina è anche utile per generare energia per scopi di illuminazione. Altre fonti energetiche riciclaggio sono ottenuti attraverso il flusso pedonale attraverso vie piezoelettrici, con l'installazione di turbine eoliche sul tetto, dal riciclaggio dell'acqua (pioggia, rifiuti, ecc) e dai pannelli solari.